Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Auto-emoterapia Contributo per la Salute

Auto-emoterapia
Contributo per la Salute
Con il Dr. Luiz Moura
___________________________
Trascrizione video deposizione effettuata da
Ana Martinez e Luiz Fernando Sarmento
_____________________________________________

Riproduzione consentita solo per scopi umanitari

Traduzione dal portoghese a cura di Simonetta Silvestri Raggi

 

Trascrizione del discorso del Dr. Luiz Moura:
Carla Michalik Morad
Eduardo Santana
Joaquim Marçal de Souza
karla Kinhirin
Lina Costa
Testo Revisione:
D. Vera Moura
Dr. Luiz Moura

 

indice

Presentazione Trascrizione

Che cosa è l'auto-emoterapia?
Origine e applicazione della pratica della autoemoterapia
Sclerodermia
Quali sono le altre indicazioni per autoemoterapia?
Cisti ovariche e mioma
porpora trombocitopenica
Cancrena da morso di ragno
L'autoemoterapia ha applicazione nella sclerosi multipla?
Ragazza con grave asma
Dosaggio autoemoterapia
Alexander Fleming alla scoperta dell'antibiotico
Prevenzione del cancro con autoemoterapia
Un caso di acne
Cloruro di magnesio
Dosaggio di uso di magnesio
E nei casi di verruche?
IL cloruro di magnesio rallenta le metastasi del cancro?
Nessuna controindicazione all'uso di cloruro di magnesio?
corretto dosaggio di magnesio
Si effettua una dimostrazione di autoemoterapia?
ittiosi
Aids
Un caso di cura dell'Aids
Un paziente con epatite C
Uso autoemoterapia associato con Ascaridil
Le donne in gravidanza o che allattano
possono fare uso di autoemoterapia?
Persone che fanno chemioterapia
possono fare uso di autoemoterapia?
L'autoemoterapia è valida nelle complicanze del diabete?
L'autoemoterapia è sempre utile?
Intervalli minori di 7 giorni sono dannosi?
La autoemoterapia può essere fatta senza interruzioni?

La variazione in dosaggi – 5 millilitri - 10 ml -20 ml -
aumenta anche il tasso di monociti?
Da che età i bambini possono fare autoemoterapia?
E l'autoemoterapia in geriatria?
L' autoemoterapia funziona sulla guarigione delle ferite?
E HPV?
E vitiligine?
In tonsillite ricorrente?
Come autoemoterapia può aiutare un malato di cancro
Ci tumori incompatibili con autoemoterapia?
Focolai e autoemoterapia?
E sulla gotta?
Polimiosite e dermatomiosite?
Due casi di aritmie e convulsioni
Per i medici e futuri medici
Ai pazienti
Relazione tra emozioni, salute e malattia
Cosa porta una persona a cambiare il comportamento?

Per ulteriori informazioni, cercare in internet
Auto Ematologia Network

Presentazione Trascrizione

Autoemoterapia secondo il Dr. Luiz Moura:

"E 'una risorsa terapeutica a basso costo, semplice, che si riassume nel prelevare il sangue da una vena e applicarlo al muscolo, stimolando il sistema reticolo-endoteliale, quadruplicando i macrofagi in tutto l'organismo. ".
Metodo utilizzato da oltre 100 anni quasi scomparso con l'avvento degli antibiotici negli anni '40.
Oggi, in vista dell'impiego di autoemoterapia su larga scala - praticamente in tutti gli strati della popolazione, in gran parte del paese -c'è un movimento popolare per la sua accettazione formale.
Forti incentivi sono le testimonianze degli utenti relativi ai risultati ottenuti.

Altri argomenti sono gli studi scientifici e i testi a disposizione, accessibili via Internet – si stima che 20.000.000 (venti milioni) di persone hanno guardato il DVD Auto-hemotherapy - Conversazione con il Dr. Luiz Moura.

E 'l'opportunità per una trasformazione benefica per tutti noi. Molti sono coloro che
- senza fare pubblici i loro nomi e senza godere di riconoscimento - hanno contribuito al bene di tutti, in molti modi e luoghi diversi.
Per la chiarezza e la profondità dei contenuti, noi crediamo che il nostro lavoro sarà utile a molti.
Alla fine, dopo il testo trascritto, si trova un elenco di siti web con informazioni sulla autoemoterapia: lavori scientifici e giornalistici, DVD virtuali, informazioni in generale.
Subito dopo - con l'intenzione di espandere la rete -
Abbiamo allestito una piccola tabella dove chi lo desidera, può inserire il suo nome e indirizzo
e-mail, per dare o ricevere informazioni...e se possibile, per inviare tutte queste informazioni a coloro a cui è necessario.
A nostro favore la coscienza, il tempo e la storia.

Rio de Janeiro, 4 marzo 2008
Luiz Fernando Sarmento

Auto-emoterapia
Contributo per la Salute
Con Dr. Luiz Moura

 

Che cosa è L'auto-emoterapia?
Si tratta di una tecnica semplice che mediante il prelievo di sangue dalla vena e l'applicazione nel muscolo, stimola un aumento di macrofagi, che sono diciamo, una impresa di pulizia per l'organismo.
I macrofagi fanno pulizie. Eliminano i batteri, i virus, le cellule tumorali maligne. Fanno una pulizia accurata, eliminano anche la fibrina che è sangue coagulato. Si verifica questo aumento della produzione di macrofagi dal midollo osseo, perché il sangue iniettato nel muscolo
funziona come un corpo estraneo e viene respinto dal sistema reticolo endoteliale (SRE). Mentre c'è sangue nel muscolo il sistema reticolo endoteliale viene attivato.Questa massima attivazione dopo cinque giorni termina.
Il tasso normale di macrofagi è del 5% nel sangue, e con l'autoemoterapia alziamo questo tasso al 22% per cinque giorni. Dal 5 ° al 7 ° giorno comincia a declinare, perché il sangue nel muscolo sta terminando. E quando finisce torna di nuovo al 5% . Questa è la ragione per cui l' autoemoterapia
deve essere ripetuta di sette (7) in sette (7) giorni.
Questa è la ragione dell'efficacia dell' autoemoterapia. Si tratta di un metodo dal costo molto basso, serve solo una siringa. Si può fare ovunque perché non serve refrigerazione - semplicemente perché il sangue viene prelevato e subito applicato al paziente.Non ci sono tecniche particolari da seguire, si fa il prelievo e il sangue prelevato lo si inietta nel muscolo e questo si traduce in un potente stimolante immunitario.
Quindi, in realtà si tratta di un metodo che potrebbe essere diffuso e utilizzato in regioni
senza risorse, dove le persone non possono permettersi di pagare certi stimolatori immunologici costosi, per esempio, fabbricati col midollo osseo.
L'autoemoterapia può essere utilizzata in tutte le fasce della popolazione senza alcun problema, allora, questo è il grande vantaggio!

Ho cominciato ad applicare l' autoemoterapia quando ero ancora uno studente di medicina,
nel 1943, quando ero entrato alla facoltà di medicina. Ero entrato alla Facoltà Nazionale di Medicina, che era in Praia Vermelha a Rio de Janeiro. E mio padre era un professore della stessa università, ed era anche primario della Santa Casa, in chirurgia generale. In primo luogo mi ha insegnato come prelevare il sangue e applicarlo al muscolo, mi mandava a casa di ogni paziente che aveva operato . L'unica cosa da fare era prendere il sangue dalla vena e applicarlo al muscolo, niente altro. E non c'è mai stato alcun problema.
Doveva essere quello uno dei tassi più bassi che io abbia mai visto di infezioni ospedaliere.
Mio padre praticava l'autoemoterapia perché il lavoro del professor Jesse Teixeira - per prevenire l'infezione post-operatoria, pubblicato nel 1940 tradotto in due lingue, francese e inglese - e premiato, ebbe un enorme successo.
Mio padre ha usato questa tecnica perché aveva letto l'opera di Jesse Teixeira.
Si aveva lo 0% delle infezioni postoperatorie quando si applicava il sangue. Gli stessi interventi senza l'applicazione del sangue avevano il 20% delle infezioni. Perché in quel momento il grande problema erano le infezioni polmonari post-operatorie perché l'anestesia era fatta con l'etere e l'etere irrita molto i polmoni. C'era molta facilità di contrarre grandi infezioni polmonari.
Io ho imparato da lui. E mi sono limitato a usare per molti anni l'autoemoterapia esclusivamente per prevenire, trattare le infezioni, l'acne giovanile (che è una infezione da stafilococco) e prevenire anche le infezioni post-chirurgiche.
A quel tempo ero un chirurgo, così anche io ho usato lo stesso metodo di mio padre, lo scopo era principalmente quello di combattere i batteri.

Solo dal 1976 ho ampliato i campi di intervento con l'autoemoterapia , grazie a un medico, il dottor Floramante Garofalo, un ginecologo, che era assistente direttore dell'ospedale Cardoso Fontes a Jacarepagua e si occupava degli equipaggiamenti ospedalieri in Brasile. Era già in pensione, aveva 71 anni. Era stato chiamato dal Dr. Amaury de Carvalho, che era il direttore, di equipaggiare  la casa di cura per la tubercolosi, e trasformarla in un General Hospital.
Un giorno, l'insegnante Garofalo o Dr. Garofalo - beh, diciamo insegnante perché si meritava di essere chiamato insegnante – comincia a lamentarsi di un dolore, di un intorpidimento che sentiva a una gamba dopo una passeggiata. Si era dovuto sedere sulla strada, sul marciapiede, perché
non riusciva più a camminare. Allora gli dissi: «Dovrebbe fare una visita da un angiologo. ". Abbiamo un eccellente angiologo qui , si chiama Dr. Antonio Vieira de Melo – primo cugino di Sergio Vieira de Mello che morì in Iraq. L'arteriografia mostrò  che aveva una arteria ostruita, ben 10 centimetri.
L'angiologo gli disse "Guarda, c'è una sola soluzione. Fare una protesi. Sostituire questi 10 centimetri con una protesi di plastica chiamata Dralon. ". Il Dr. Garofalo, ridendo, rispose : "Non lo farò perchè non voglio diventare un uomo bionico. Oggi questa arteria della coscia e domani sarà quella di un braccio . No, quello che mi può guarire è l'autoemoterapia. ". E mi chiese di fargliela .
Dopo 4 mesi di terapia una volta la settimana,un giorno mi disse “Mi sento bene , sto bene, ora posso camminare chilometri e non ho nessun problema. " Così andammo dal Dr. Antonio Vieira de Melo che pensava fosse un effetto di suggestione.
" Beh, non c'è ragione di discutere se si tratta di suggestione o no.” Dissi io, “Garofalo, facciamo un'altra arteriografia? ". “Si! Andiamo! ". rispose prontamente Garofalo.
Andammo a fare i raggi-X e si vide che non c'era ostruzione di sorta. E così ha vissuto novanta e passa anni, è morto oltre i 95 anni senza mai essere operato. A titolo di ringraziamento mi regalò due opere: una del Dr. Jesse Teixeira e un altra del Dr. Ricardo Veronesi.
C'è un intervallo tra queste due opere di 36 anni, una è del 1940 e l'altra del 1976. Ma l'impressione è che una è fatta per l'altra, per abbinare una con l'altra. Perché? Perché mentre il lavoro del Dr. Jesse Teixeira limita l'azione di auto emo-terapia per prevenire infezioni post-operatorie, il professor Ricardo Veronesi, che è un professore di immunologia presso l'Università di Santos, aveva scoperto che il sistema Reticolo - endoteliale (SRE) aveva molte altre funzioni oltre a quella di combattere i batteri.
Le principali funzioni del sistema  dei fagociti mononucleati sono in corsivo tratti dal lavoro del Dr. Ricardo Veronesi. Tra parentesi, i commenti e le spiegazioni del Dr. Luiz Moura:

1) Clearance (pulizia) di particelle estranee provenienti dal sangue o dai tessuti, tra cui cellule neoplastiche, tossine e altre sostanze tossiche.
2) Clearance di steroidi e loro biotrasformazione. (eliminazione di ormoni, steroidi).
3) Rimozione di micro-aggregati di fibrina e la prevenzione di coaguli intravascolari.
(Questo è il motivo per cui faccio autoemoterapia per prevenire attacchi di cuore e ictus, trombosi cerebrale, attacchi di cuore di arterie coronarie, perché previene la formazione di coagulazione intravascolare, può rimuovere un possibile blocco come nel caso del dr. Garofalo. Ecco perché uso autoemoterapia.).
4)L'ingestione di antigene, la sua elaborazione e successiva consegna ai linfociti B e T. (L'antigene che produce una reazione allergica, avente grande azione nel trattamento di allergie.).
5)Biotrasformazione e l'eliminazione del colesterolo.
6)Metabolismo del ferro e formazione della bilerubina .
7) Il metabolismo delle proteine e la rimozione delle proteine denaturate. (proteine anomale.).
8) La disintossicazione e il metabolismo dei farmaci. (Immaginate, il metabolismo delle proteine la rimozione di proteine denaturate, ormai è noto che l'encefalite da mucca pazza è causata da un proteina prionica che è denaturata.L' autoemoterapia può aiutare nel trattamento di questa malattia.).
Rispondendo a tante e tali funzioni importanti, è facile capire il ruolo del sistema reticolo endoteliale nel determinare in modo favorevole o meno la variazione nei processi processi patologici, dalle malattie infettive, a quelle neoplastiche , a quelle malattie neurodegenerative e autoimmuni.
E 'stato allora che ho iniziato a usare l' autoemoterapia nelle malattie autoimmuni.
Ecco che cosa è triste: quello che il professor Jesse Teixeira scoprì nel 1940 , che nel 1976 era ancora in fase di studio sui topi – non è stato divulgato come avrebbe dovuto essere.

(Dr. Luiz Moura si legge un altro estratto del lavoro del Dr. Ricardo Veronesi. E tra
parentesi, fa commenti):

Le malattie degenerative
Il sistema reticoloendoteliale esercita un ruolo importante nella omeostasi ( per esempio, mantenere il corpo sano), comprensivo di lipidi .
Così come è stato dimostrato negli animali il sistema reticoloendoteliale è implicato nella produzione del colesterolo, endogeno e esogeno. Ne consegue che l'ipercolesterolemia e talvolta l' arteriosclerosi (processo degenerativo delle arterie che si induriscono) dipende dal perfetto funzionamento del sistema reticolo endoteliale e può essere ridotto il tasso di colesterolo nel sangue attraverso il sistema di immuno-stimolazione secondo gli esperimenti fatti sui ratti nelle Università del Tennessee.
(Mentre nel 1940, in Brasile,Il professor Jesse Teixeira scopre come stimolare negli esseri umani il sistema reticoloendoteliale nel , nel 1976, 36 anni dopo, negli Stati Uniti, in Tennessee, è stato studiato nei ratti.).
Stiamo portando avanti esperienze in questo senso con il professor Luiz V. Decourt a San Paul.

Voglio dire, allora l'autoemoterapia ha un valore enorme, è una risorsa nell'immunologia - prima in realtà si sapeva solo combattere le infezioni – la si usava per esempio, per curare e ridurre il tempo di una polmonite: si dava l'antibiotico e si usava contemporaneamente l'autoemoterapia. In questo modo ho potuto ridurre la quantità di antibiotico. E il tempo di polimerizzazione si è accelerato perché l'antibiotico ha fatto un parte, paralizzando la riproduzione dei microrganismi e l'autoemoterapia ha stimolati i macrofagi a divorare questi microbi. Così ho avuto risultati molto buoni, in malattie come la polmonite, molto gravi. Ho risolto i problemi con la combinazione di queste due caratteristiche.Molte persone pensano che l'antibiotico sia un battericida. No, l'antibiotico non uccide batteri, solo paralizza la riproduzione dei batteri. Chi uccide i batteri è il nostro sistema immunitario, completando il lavoro dell'antibiotico.

Sclerodermia

Il 10 settembre del 1976 , quando ero a capo della clinica medica dell'Ospedale Cardoso Fontes e avevo una consulente dermatologa, la Dra. Ryssia Alvarez Florião, era stata ricoverata una signora che da 8 mesi non camminava. La Dra. Ryssia le aveva fatto tre biopsie,inviate alla Dra. Gloria Moraes primario di Anatomia Patologica, che diagnosticò una fase finale di sclerodermia. La dottoressa Ryssia aveva deciso di parlarne ai nostri incontri, ogni lunedì discutevamo di casi che non erano di routine. E quello era un caso molto raro. La sclerodermia è una malattia autoimmune e non è frequente.

Era stata una bella lezione, avevo imparato molto, perché non sapevo nulla sclerodermia, e non avevo mai visto un paziente sclerodermico.
Finita la lezione, la dottoressa Ryssia aveva chiesto all'infermiera di portare la paziente per ascoltarla e parlarle.
"Ma non ho niente da offrire al paziente. ". Mi disse.
Allora chiesi a Ryssia " Potrei applicare a questa paziente una tecnica che non è corrente e si chiama autoemoterapia? ". Lei rise "Mr. , sono andata a maggio negli Stati Uniti, in una clinica dove convergono tutti i casi di sclerodermia di tutti gli Stati Uniti d'America. E la clinica non è altro che un deposito di sclerodermia. Non c'è niente da fare. Cosa pensa si possa fare? ".
Risposi : "Voglio portarle subito i due lavori del Dr. Jesse Teixeira e del dottor Ricardo Veronesi, e vedrà che la mia idea ha fondamenti. ".
In seguito le lessi le parti principali delle due opere e le chiesi: "E ora Ryssia?". "Ahh, è la logica, si può lavorare, si vale la pena.".
Ho poi applicato l'autoemoterapia, e ho usato una dose brutale. Presi venti (20) cc di sangue e applicai cinque (5) cc a ciascun braccio (deltoide) e 5 (cinque) in ogni natica, perché dovevo produrre un risultato, o lavorava o non funzionava. Dovevo arrivare ad una conclusione.
Il miglioramento fu una cosa incredibile!
La paziente aveva la pelle come la pelle di un alligatore, dura,  era incamminata verso una morte terribile, per soffocamento, perché non poteva respirare. I polmoni non potevano espandersi, perché il corpo era un blocco di legno. Sorprendentemente in 30 giorni, il 10 ottobre del 1976, questa paziente uscì dall'ospedale.

Quali sono le altre indicazioni dell'autoemoterapia?

Molte, molte indicazioni.
Primo: tutte le malattie infettive in generale.
Secondo: tutte le malattie allergiche, ha un effetto meraviglioso sull' asma bronchiale, nelle allergie cutanee, sulla la psoriasi funziona a meraviglia.
Nelle malattie autoimmuni, così comuni oggi, nella malattia di Crohn, malattia autoimmune che distrugge l'intestino, dove gli anticorpi attaccano la fine piccolo intestino.
Ho usato l'autoemoterapia nel Lupus, avevo una paziente - mi limiterò a dire le sue iniziali, R.S. - una insegnante di danza che insegna ai bambini a ballare a Caxias (Rio de Janeiro). Soffriva di Lupus, ancora adesso ha il lupus, ma è asintomatico. E 'come se fosse guarita. Insegna a danzare ai bambini di strada e li porta in Italia per gli spettacoli. Questa ragazza prima della cura con autoemoterapia non era in grado di lavorare, non poteva fare nulla.

L'artrite reumatoide, dà un ottimo risultato nell'artrite reumatoide. Io ho un paziente a UFRJ, un impiegato che non poteva nemmeno camminare da anni e con l'auto-emoterapia ora è normale. Arriva nel mio ambulatorio, prende gli autobus. Non ha iù nessun problema.
In miastenias gravi, ho un paziente che ha la mia età, 78 anni.
A questo paziente è stata diagnosticata una miastenias gravi nel 1980, all'Istituto di Neurologia, in Av. Pasteur, e non c'era niente da fare. Lei sta facendo autoemoterapia dal 1980. Lei è l'unica superstite della miastenias gravi. Tra tutti i pazienti che avevano miastenias gravi , è in vita solo lei. Viene al mio ambulatorio con la figlia in autobus.
Quindi è davvero una cosa incredibile non rivelare un lavoro che dà così tanti benefici e allevia la sofferenza di tante persone. In tante direzioni, per tante patologie, come in molti diversi tipi di malattie croniche e acute . Io per primo, non prendo vaccini contro l'influenza perchè facendo autoemoterapia non ne ho bisogno, perché ho il mio sistema immunitario attivato.

Anche mia moglie non si vaccina, perché facciamo autoemoterapia e teniamo il nostro sistema immunitario attivato.

Così questa è davvero una risorsa terapeutica che ha una gamma enorme di indicazioni.
Nel 1980 accolsi una signora, una funzionaria di Petrobras, il cui servizio medico le aveva diagnosticato la sclerodermia. Le raccontai del caso di quattro anni prima - il caso di sclerodermia, all'ospedale Cardoso Fontes Hospital. Così decise il trattamento, e fino ad oggi non ha più alcun sintomo. Andrà in pensione nel 2005 per anzianità di servizio. Si sarebbe ritirata nel 1980, invece andrà in pensione 25 anni più tardi...
L'autoemoterapia è qualcosa che potrebbe cambiare la vita di molte persone, come ha cambiato la sua vita. Immaginate se si fosse ritirata in quel momento, che pensione avrebbe oggi? Quale situazione avrebbe? Beh, probabilmente lei non sarebbe viva se non avesse fatto questo trattamento.
Poi l'autoemoterapia è una risorsa che ha un numero enorme di applicazioni, e ha una spiegazione scientifica di come funziona. Non è qualcosa di misterioso, di magico, no! Sai come funziona.
I lavori anteriori europei, avevano tutti una base di empirismo, nessuno aveva dimostrato come funzionavano. E 'stato un brasiliano, il professor Jesse Teixeira, che ha dimostrato come funzionava, nel 1940.

Le malattie che si verificano in età avanzata, implicano una grande spesa sanitaria. Si dovrebbe diffondere questo metodo affinchè i colleghi comincino ad usarlo. Lo spero.
Purtroppo in tanti quando vedono i i risultati e non si danno spiegazioni dicono che si tratta di remissione spontanea. Si tratta di una via d'uscita, per non ammettere che è stata l'autoemoterapia a guarire.

Cisti ovariche e mioma

Mia figlia che vive in Spagna era sterile, aveva l'ovaio policistico e non poteva rimanere incinta.Fece autoemoterapia e sei mesi dopo scomparvero le cisti . Il sistema immunitario aveva divorato le cisti, aveva eliminato le cisti, e lei rimase incinta per la prima volta.Poi una seconda volta.
Ho due nipoti , uno di 23 anni e l'altro di 21, uno è un agronomo e l'altro lavora con immagini e suoni. Ho usato l'autoemoterapia in molti casi di cisti ovariche e anche di mioma, anche il mioma è divorato dal sistema immunitario, quindi è davvero qualcosa di enorme valore, spero che ci sia ora una maggiore consapevolezza.

Porpora trombocitopenica

Questa ragazza aveva un figlio piccolo di un anno , aveva cominciato a sanguinare, le gengive, l'orecchio per otorragia, il medico di Visconde Maua, quando vide che avrebbe potuto morire la inviò a un un ematologo a Volta Redonda, che trovò che aveva solo 10.000 piastrine, quando i valori normali vanno da 200.000 a 400.000 piastrine. Iniziò il trattamento con dosi elevate di cortisone, cento (100) milligrammi di Meticorten al giorno, una dose brutale.
Le emorragie scomparvero, le piastrine salirono a 150.000 dopo 6 mesi di cortisone (Meticorten). Alla fine dei 6 mesi però il cortisone non funzionava più, e lei si era gonfiata enormemente.
Poi le vennero dati due farmaci che vengono utilizzati come  chemioterapia per il cancro, Enduxan e Metroxathe. Le piastrine si alzarono di nuovo ed erano tornate alla normalità per due mesi, ma alla fine dei due mesi, anche questi non funzionavano più.

Poi fu deciso di eliminare la milza, perché le piastrine vengono uccise nella milza. Per qualche ragione che la medicina ancora non sa, le piastrine non sono riconosciute come proprie e la milza le uccide, queste piastrine dovrebbero vivere cinque giorni, e poi il midollo osseo ha la capacità di sostituirle. Lei voleva sapere che speranze avrebbe avuto. Il chirurgo fu molto onesto: "La speranza è che il fegato possa sostituire la funzione della milza, altrimenti non ci sono speranze ".
La ragazza decise di non operarsi e tornò a Visconde de Mauá. Cominciò l'autoemoterapia e dopo sei mesi stava bene. Ebbe altri due figli, e la sua milza.

Cancrena da morso di ragno
Questa signora, che affitta i cavalli, la signora Maura, è stata morsa da un ragno armadeira che è il peggiore dei ragni, anche se è piccolo.(La Phoneutria appartiene alla famiglia delle lycosidae ) E' marrone, vive in mezzo al legno vecchio e là, per l'inverno hanno sempre legno peri caminetti. La signora Maura è stata morsa da questo ragno a una gamba che sviluppò la cancrena. l'Istituto Butantan raccomandò l'amputazione o sarebbe morta.Fu portata a Santa Casa per l'intervento ma cominciò a piangere e chiese di lasciar perdere.Firmò una rinuncia di responsabilità ai medici e tornò a Maua pensando di morire.
Le feci autoemoterapia poi mi ricordai di un'altra risorsa usata da un chirurgo di guerra francese (1914 a1918) che si chiamava Pierre Delbet e che aveva salvato innumerevoli arti da amputare con una soluzione cloruro di magnesio fornito con venti (20) grammi in (2) litri di acqua. Lavava le ferite con questo cloruro e ha salvato molte persone con la cancrena. Credo di aver unito due cose: l'azione di questa soluzione che funzionava come un potente disinfettante e l'autoemoterapia che agisce come un potente stimolazione immunitaria. In circa due o tre settimane la gamba di Maura era guarita.

Ha applicazione nella Sclerosi Multipla?

Ho usato autoemoterapia nella sclerosi multipla, questo paziente ha avuto un miglioramento. Rallenta la progressione.

Ragazza con grave asma

Questa bambina aveva un asma molto seria. Aveva cominciato a fare autoemoterapia con grandi miglioramenti poi non tornò più. Dopo alcuni mesi la madre la riporta, era molto imbarazzata : "Guardi, mi dispiace, non ho più portato mia figlia perché il pediatra che è anche amico di famiglia ha visto la sua prescrizione per autoemoterapia e ci ha detto: 'Non esiste, per l'amor di Dio, non farla fare a tua figlia, è come ucciderla. ". Ma visto che la bambina all'inizio del trattamento cominciava a stare bene, poi interrompendolo aveva ricominciato a stare male, la riportò nascondendo al pediatra la sua decisione...

Dosaggio autoemoterapia

Le sperimentazioni erano cominciate in Francia con l'insegnante Ravaut nel 1912. Usava dosi crescenti di un (1) cc, due (2) 3(tre), 4 (quattro), cinque (5) sino a dieci (10). Dopo il professor Jesse Teixeira ha subito cominciato a dare una dose singola per prevenire le infezioni post-operatorie.
Poi ha usato dieci (10) ml una volta, cinque (5)ml giorni dopo, più di dieci (10) ml, come quando io ho iniziato su ordine di mio padre con i pazienti operati.
Così sono giunto alla conclusione che la dose varia con la gravità della problema. Diciamo, cinque (5) ml per una malattia che non è troppo seria. Nel lupus, miastenias grave, artrite reumatoide, io uso dieci (10) ml.
Quando c'è un'allergia, reazioni allergiche, o asma, di solito i uso 5 (cinque) ml. Per la rinite, cinque (5) ml senza bisogno di dosi grande.
In un caso disperato, come nel caso della sclerodermia, il primo caso che ho trattato nel 1976, ho usato venti (20) ml iniziali. Perché avevo bisogno di dare una risposta violenta al paziente che nella fase finale, non aveva nulla da perdere, quindi ne valeva la pena.
Si può fare autoemoterapia con 10, 15, 20. Io la sto facendo da molti anni, più di 20 anni. Non vi è alcuna controindicazione. Lo faccio come dicevo per evitare malattie , e perché con l'età possono esserci incidenti vascolari.

Prevengo l'ictus, proteggo il cervello e il cuore. Mi protegge anche contro il cancro, mantenendo il sistema immunitario attivato. Con l'età – ma anche da giovani – le cellule tumorali appaiono di volta in volta. E 'come una fabbrica, ci deve essere un controllo di qualità - e il nostro è il sistema immunitario che opera il controllo della qualità delle nostre cellule. Così è davvero necessaria. Non vi è alcun limite di uso di tempo. È possibile utilizzarla tutta una vita.
Prescrivo ai miei pazienti di fare un certo numero di applicazioni almeno 10, e dopo un periodo di riposo di un mese. Sarebbe, diciamo, da usare in modo permanente. Se è preventiva si possono fare grandi intervalli: dopo 2 o 3 mesi di distanza, fare un'altra serie.
Se c'è una malattia che deve essere tenuta sotto controllo si fanno intervalli più brevi, 10 applicazioni, e 30 giorni di sospensione. Con molti pazienti comincio con 10 ml nella fase acuta della malattia, poi riduco a 5 ml per settimana.
Un paziente di Visconde de Mauá - aveva una malattia che l'avrebbe reso cieco, aveva la toxoplasmosi e stava già con il 20% della visione. Con lui ho aumentato da 10 ml a 20 ml , 10 ml in ogni natica, e ha recuperato l'80% della visione. Sono 10 anni che fa autoemoterapia.
L'intervallo tra una applicazione e l'altra è di sette giorni. In rari casi faccio il trattamento entro cinque giorni quando voglio mantenere il livello di macrofagi al più alto livello, superiore al 20% ,poi quando l'infezione è sotto controllo torno a 7.

Dal momento che si applica l' autoemoterapia occorrono 8 ore perchè il tasso di macrofagi raggiunga il 22% . La tecnica che il professor Jesse Teixeira aveva usato per dimostrare l'azione di autoemoterapia era molto semplice. Semplice perché? Poiché la scoperta è difficile. Aveva scoperto che il passaggio di una sostanza caustica - mosca spagnola – in una coscia forma una bolla. Allora, che cosa ha fatto? Prese dalla bolla il liquido contando il numero di macrofagi. C'era il 5% di macrofagi.
Poi dopo l'autoemoterapia riprese qualche goccia da questa bolla. Ogni volta il livello di macrofagi saliva alla fine di 8 ore. E constatò che durante 5 giorni si manteneva al 22% , tra il 5 ° e il 7 ° giorno iniziava il declino.
Aveva sperimentato anche sui conigli.
L' autoemoterapia è utilizzata anche in medicina veterinaria, è usata per la vacca che ha un virus, una malattia chiamata figueria. La mucca ha delle verruche.
Applicando l'autoemoterapia - venti ml – in due o tre giorni cadono tutte quelle verruche.

Nel muscolo del braccio, il deltoide, si possono applicare 5ml, nella natica 10ml.
Il muscolo del gluteo ha la capacità di ricevere 10 ml.
La signora M, con toxoplasmosi applicava 10 ml in ogni natica, perché voleva avere il massimo effetto per salvare la sua vista.
Ma è stata lei stessa, non sono stato io che ho prescritto 20 ml, è stata lei che ha deciso di fare 20 ml, per avere un risultato più efficiente.
Vorrei che fosse fatto uno studio sui dosaggi. Qual' è il rapporto con il peso corporeo? I dosaggi dei farmaci variano a seconda del peso corporeo, il dosaggio per un bambino di 30kg è inferiore del dosaggio per una persona 70 kg.
Forse non è necessario, nei bambini piccoli, utilizzare un dosaggio come quello per gli adulti . Potrebbe bastare due ml o 3 ml. La mia speranza è che vi siano persone che vogliano fare ricerca di laboratorio che io non sono in grado di fare, perché io no, faccio tutto sulla base della sperimentazione, sulla base del ragionamento senza ricerche di laboratorio, perché non ho un laboratorio di ricerca, è tutta ricerca clinica, l'applicazione pratica.
Così io sono sicuro che è una tecnica assolutamente innocua, non arreca danni alla persona, mai visto alcun problema. Un'iniezione di Penicillina può dare uno shock anafilattico, ma col proprio sangue non c'è assolutamente alcun rischio in questo trattamento. Mai visto alcun ascesso, nessuna contaminazione. Ho visto, sì, i pazienti che non possono vedere il sangue e svengono. Ma c'è problema emotivo, non ha nulla a che fare con l'autoemoterapia.

Alexander Fleming scoprì l'antibiotico

Lui era il figlio di un giardiniere, aveva 10 anni e salvò Winston Churchill che ne aveva 8 e che era caduto in un pozzo. Il Signor Churchill chiamò suo padre e gli disse "La vita di mio figlio non ha prezzo. Puoi chiedermi qualsiasi cosa, se desideri una casa ti darò un casa. ". "Non ho bisogno di casa, sono nato qui, mio ​​padre è nato qui, mia nonna è stata la prima che ha lavorato qui. Vorrei poter soddisfare il bisogno di un figlio. Ho quattro figli, tre saranno operai, ma Alexander fin da bambino dice che vuole diventare un medico e vuole essere un ricercatore. Non ho nessuna possibilità di soddisfare il suo desiderio. ".
Il Signor Churchill disse: "Allora sarà possibile. ". Alessandro si laureò in medicina e grazie alla sua umiltà scoperse la penicillina.
Il Signore Churchill gli offrì ogni stanza della casa e Alexander rifiutò. " Mi serve solo un posto nel sottoscala. C'è abbastanza spazio per montare il laboratorio. ". Era un posto molto umido. Facendo esperimenti con placche da coltura un fungo - che ama l'umidità, Penicillium notatum – aveva distrutto una di queste placche. Siccome era un ricercatore, volle sapere il motivo per cui c'era stata quella distruzione. Trovò questo fungo e scoperse che il fungo secerneva una sostanza, la penicillina. Poi cominciò a usare questo antibiotico nei cavalli al Fantini Club di Londra, e nelle mucche di aziende agricole nelle vicinanze che avevano una malattia infettiva.
Un giorno il comandante della Royal Air Force, gli chiese di applicare la penicillina a Winston Churchill che stava morendo in Nord Africa dove aveva contratto una doppia polmonite, ed era disperato.
Alexander Fleming e il comandante della Royal Air Force passando attraverso le aree occupate dai tedeschi, ad alta quota, arrivarono in tempo per applicare la penicillina a Churchill. Alexander disse al comandante della Royal Air Force: " Churchill sarà il primo umano a ricevere un'iniezione di penicillina. Il nostro premier? ". E la risposta: "O 'tutto o niente. Il se è un caso perso. ". E così per la seconda volta Alexander salvò Winston Churchill.

Nella sua ricerca aveva scoperto che i microbi dopo 10 anni sviluppano una resistenza agli antibiotici, ma ha aveva anche scoperto che poi perdono la memoria. Tutti gli antibiotici devono essere utilizzati entro un massimo di dieci anni e poi interrotti, se possibile, per alcuni anni. Ma l'avidità ha comportato l'uso di antibiotici in modo permanente, senza interruzioni creando una resistenza agli antibiotici. Questa è la storia raccontata da Alexander Fleming, lo scopritore della penicillina.
E gli antibiotici hanno portato ad interrompere l'uso di autoemoterapia, quando la normalità sarebbe stata di completare e non sostituire. L'uso di autoemoterapia insieme agli antibiotici avrebbe creato minor numero di casi di resistenza agli antibiotici.

Prevenzione del cancro con autoemoterapia

Il cancro è una riproduzione anarchica cellulare. Se il corpo della persona non riconosce queste cellule come proprie e comincia a distruggerle sul nascere, il sistema immunitario è correttamente attivo. Il cancro è più frequente quando, con l'età, una ghiandola che comanda il sistema

immunitario - che è una ghiandola del petto chiamata timo - comincia ad atrofizzarsi. Il sistema immunitario è abilitato per prevenire il cancro. Poiché il cancro non inizia con un grande quantitativo di cellule anarchiche, inizia con piccoli numeri. Se il sistema immunologico è vigile può combatterlo facilmente, ma dipende anche dall'età della persona. Perché dopo i 55 anni inizia il declino del timo, che si atrofizza.
La donna è stata vittima della pillola contraccettiva, che richiede molto dal sistema
immunitario. Se la donna prende la pillola e fa autoemoterapia non avrà problemi perché mantiene il sistema immunitario attivato. Tutti gli ormoni artificiali hanno effetti dannosi, motivo per cui oggi si preferisce usare in menopausa gli ormoni naturali a base di erbe - gli isoflavoni .
Dopo i 50 anni, quando inizia il declino del timo è tempo di iniziare il trattamento di autoemoterapia.

Un caso di acne
Anni fa feci una sosta per fare uno spuntino a Visconde de Mauá, presso un distributore di benzina che aveva anche il ristorante. Lì vedo una ragazza con l'acne, come fino a quel momento non avevo mai visto. Decido anche se non interpellato di parlare con la giovane donna dell'autoemoterapia.
Non sapevo che questa ragazza fosse la figlia del proprietario del posto. La madre mi raccontò che l'avevano portata a fare delle cure a Rio de Janeiro, per due anni , ogni due mesi senza risultati. Così cominciai a fare autoemoterapia a quella ragazza.
Il risultato è stata la prescrizione più costosa che avessi mai dato a qualcuno, perché durante tutto l'anno non potevo pagare nulla in quel posto. Il proprietario della stazione aveva dato l'ordine a tutti di non farmi pagare nulla. Finché poi ho deciso di non andarci più, ero troppo in imbarazzo a non pagare mai. La ragazza era guarita da questa terribile acne, era completamente pulita.
E 'stata una cosa miracolosa, il peggior caso di acne che abbia mai visto in vita mia.

Sul cloruro di magnesio

Il magnesio è di enorme importanza per l'uso quotidiano, tutti dovrebbero integrarlo, perché il cibo oggi è di magnesio. La ragione è semplice. Anche le piante hanno bisogno di un sacco di magnesio per respirare. Il meccanismo clorofilliano delle piante - cioè, la fissazione di anidride carbonica e l'eliminazione di di ossigeno - è l'opposto di quello che facciamo noi. La pianta fa clorofilla attraverso il magnesio. Il fertilizzante chimico che viene utilizzato al giorno d'oggi è NPK – azoto, fosforo e potassio. Una volta tutte le case avevano le fosse biologiche - il magnesio eliminato attraverso le feci era restituito alla falda. Ma oggi tutto va nei fiumi e nel mare, con l'aumento della pauperizzazione di magnesio nella terra.
Le due funzioni più importanti del magnesio sono la regolazione del metabolismo del
calcio nel corpo e la fissazione del alcio dove dovrebbe essere e l'eliminare del calcio dove
non dovrebbe essere. Le calcificazioni nella colonna, nelle articolazioni, la
nelle arterie, si verificano per questa carenza di magnesio.Le calcificazioni renali, i calcoli di ossalato di calcio si verificano a causa della mancanza di magnesio.
Il professor Pierre Delbet, medico, ha utilizzato il magnesio per lavare le ferite durante la guerra del 1914 - 1918, senza sapere perché. Poi ha scoperto che il magnesio attiva il sistema immunitario. La prova è che, in Francia, la mappa del cancro e la mappa del magnesio mostrano che nella metà meridionale Francia dove le terre hanno molto magnesio la mortalità per cancro è meno del
3,5% .

E nel nord della Francia, dove le terre sono povere di magnesio, più dell' 8,5% di persone sono morte di cancro.

Dosaggio per l'uso di magnesio

E' molto semplice da preparare : servono 20g o due cucchiai da minestra in 1 litro di acqua. Se la

persona sta bene può prendere una tazzina da caffè al giorno. Ma se la persona ha già colonna con osteofiti (speroni ossei), artrosi, deve prendere 2 tazzina da caffè al giorno di soluzione di cloruro di magnesio.
Nel caso di calcoli renali, riesco a dare tre tazzine al giorno, quando i calcoli sono di ossalato di calcio.
Per lavare le ferite non utilizzare questa forte soluzione di 20g in 1 litro di acqua. Una soluzione che è isotonica, è di 20g in due litri di acqua. Questa soluzione funziona meglio dei disinfettanti.
Poiché, oltre a funzionare come disinfettante, stimola il sistema immunitario.

E nei casi di verruche?
Le verruche si verificano per carenza di magnesio. E a causa di questa carenza i virus possono moltiplicarsi, creando le verruche.
E se il cloruro si bagna all'interno della bottiglia?
Nessun problema, nessuna importanza, il sale non ha tempo di scadenza, il magnesio non ha tempo di scadenza, è eterno.
La mancanza di magnesio è causa di calcoli renali di ossalato di calcio, il calcio è precipitato e fissa l'acido ossalico contenuto nelle patate, pomodori, spinaci, ecc generando calcoli renali di ossalato di calcio.
Ci sono altri tipi di calcoli renali?
Ci sono calcoli di urato prodotti da carne - e di fosfato, che viene da verdure che hanno fosfati.
Cloruro di magnesio rallenta le metastasi del cancro?
No, questo no; ma almeno rallenta, come ha dimostrato il professor Pierre Delbet nel suo libro.
Nessuna controindicazione all'uso di cloruro di magnesio?
L'unica controindicazione è l'insufficienza renale, perché il magnesio in eccesso viene rimosso mediante urine. .

Ittiosi

Per il mio paziente c'è voluto circa un anno per cambiare completamente la pelle e guarire quelle ferite che sembravano squame di pesce. La secchezza della pelle era troppo grande,
lui sentiva un terribile prurito, che non era in grado di controllare.Con questo trattamento, con la autoemoterapia c'è stato un graduale miglioramento - è vero che ho dato anche la vitamina E,
rimedi per la pelle, la vitamina A - ma ciò che ha funzionato è stata l'autoemoterapia. Avevo prescritto anche minerali perché la sua pelle non aveva alcuna vitalità, era tutta striata, e tali rilievi come se fossero squame di pesce. E 'stato l'unico caso che ho avuto di ittiosi.

AIDS

Ci sono molti malati di AIDS che fanno autoemoterapia e stanno bene. Fanno anche uso di altre farmaci, perciò non posso attribuire i miglioramenti solo all'autoemoterapia.

Un caso di cura di AIDS

Il caso è quello di un dentista , mio paziente da quando aveva 4 anni di età, che si era infettato con il virus HIV nel suo ambulatorio . Dagli esami era risultato sieropositivo. Decisi di prescrivere autoemoterapia, per due semestri continuava a risultare positivo ai test, poi al terzo esame
la vigilia di Natale mi chiama dicendo che aveva un una grande notizia per me, agli esami era tutto negativo. Io gli dissi "Aspettiamo a festeggiare. Facciamo un controllo in un altro laboratorio.Lo ha ripetuto ed era negativo. E 'stato circa sei anni fa. A tutt'oggi è negativo.
E 'stato un paziente che ho trattato in condizioni molto buone sin dall'inizio. La maggior parte

degli altri pazienti che tratto hanno l'HIV da tempo, 3-5-8 anni....
E 'diverso. Lui era all'inizio - con due mesi di HIV .

Un paziente con epatite C

E' riuscito a controllare la malattia. Abbiamo avuto progressi nel corso degli anni ed è stato bene.
Non ha fatto uso di questi trattamenti moderni come Interferone . Non si è negativizzato, ma le analisi vanno bene, sempre normali.

Sull' uso combinato di autoemoterapia con Ascaridil

L'Ascaridil è un farmaco che è stato ed è utilizzato per i vermi, la materia prima, il nome generico è: Levamisolo cloridrato. L'azione immuno-modulante dell' Ascaridil è stata scoperta per caso da medici americani, facendo un campagna contro il hookworm in California, si è visto che i pazienti con la leucemia erano migliorati. Hanno deciso di studiare il Levamisolo cloridrato e hanno scoperto che aveva un enorme potenziale sul sistema immunitario, e funzionava in una serie di malattie. Nell' herpes, ha funzionato molto bene, nell'herpes simplex, nell'herpes zoster e anche nella lebbra è stato utilizzato con grande risultati, nell' artrite reumatoide e nel cancro. Utilizzato in aggiunta alla chemioterapia e alla radioterapia.
Il prodotto era chiamato Stimamizol ma è stato ritirato . Ora c'è l'Ascaridil.

Il dosaggio di Ascaridil
Il levamisolo cloridrato è un modulatore immunitario, non è uno stimolatore . L'aggiunta di Levamisolo cloridrato in autoemoterapia - uno modulante e l'altro stimolante - funziona molto bene nelle malattie autoimmuni.
Prendendo due (2) compresse a settimana per otto (8) settimane
- Dopo aver preso una pausa di un mese per riposare l'organismo dal prodotto – si ripete ciò che è stato fatto, e sarà di grande aiuto nella artrite reumatoide. Inoltre funziona sul morbo di Hansen, nella brucellosi e dà ottimi risultati come in herpes simplex e zoster - i due tipi, labbro genitale. Le due (2) compresse di Ascaridil ad una dose di 150 mg (Cento cinquanta milligrammi) dovrebbero essere prese in due (2) giorni consecutivi,
Una (1) al giorno per otto (8) settimane.

Le donne in gravidanza o durante l'allattamento possono fare uso di autoemoterapia?
Le donne incinte possono fare autoemoterapia, non c'è pericolo.
Durante l'allattamento, il latte conterrà più anticorpi , il bambino riceverà “un razzo” del sistema immunitario.

Le persone in chemioterapia possono usufruire di autoemoterapia?
Le persone che sono sottoposte a chemioterapia dovrebbero fare autoemoterapia.

L'autoemoterapia è valida nelle complicanze del diabete?
Si, nel caso di cancrena, per esempio. Ho avuto una paziente con un'ulcera nella gamba, nel piede, si vedevano i tendini. Doveva essere amputato.La signora era diabetica da molti anni. Sono stato chiamato per incontrarla e ho pensato che avrebbe dovuto fare una terapia di auto-sangue per evitare l'amputazione. Ha fatto un trattamento di poche settimane, l'ulcera si è chiusa e non ha dovuto amputare. E ' morta circa venti anni dopo, con il suo piede. Morì per un ictus acuto, perché il diabete produce questi colpi. Ma lei è morta con il suo piede che sarebbe dovuto essere amputato circa 20 anni prima. Voglio dire, lei ha vinto venti anni di una migliore qualità della vita, perché poteva camminare, camminare perfettamente senza l'utilizzo di qualsiasi protesi.

Nella cecità accade che il diabete produce una arterite, un'infiammazione intima delle arterie, che è la causa che porta alla cecità, la mancanza di ossigenazione dei tessuti causa di intasamento. L'autoemoterapia può effettivamente influenzare positivamente perché dà una maggiore protezione alle cellule. Non che curi - non è così- non cura il diabete - ma almeno protegge le cellule e gli effetti negativi richiedono più tempo per verificarsi. Il diabete è una malattia che deve essere combattuta con molti medicinali che agiscono contro i radicali liberi. Non solo è necessario il controllo del glucosio, è necessario evitare l'aggressione alle cellula dai radicali liberi, con vitamine A, E e C, selenio e varie sostanze che proteggono la cellula.

Campi d'azione dell' autoemoterapia

Realmente il raggio d'azione di autoemoterapia è molto grande perché agisce sul sistema immunitario in generale, aumentando i macrofagi dal 5% al 22%
L'autoemoterapia, aumentando il numero di macrofagi, aziona le difese contro i virus, i batteri, le cellule anormali, precancerose . Davvero l'autoemoterapia ha una vasta applicazione, e ho trovato che agisce in una zona del sistema nervoso, che è l'area del sistema nervoso autonomo. Organizza il sistema vagale simpatico e questo dà un maggiore tranquillità alla gente. Le persone tendono ad essere tese, simpaticotoniche, e questo provoca la contrazione vascolare, che favorisce l'ipertensione. L' autoemoterapia manterrà sotto controllo la pressione, mantenendo il giusto equilibrio tra il sistema vagale – che dilata i vasi - e il sistema simpatico, che li contrae. È un altro aiuto, insieme con le altre funzioni. Aiuta nella lotta contro l'ipertensione, che è un malattia che colpisce miliardi di persone in tutto il mondo, a causa dello stress e delle tensioni della vita moderna, la paura, l'insicurezza. Oggi l'ipertensione è un gravissimo problema di salute pubblica.

La autoemoterapia può essere fatta senza interruzioni?
Si. Faccio interrompere solo per fare riposare muscoli e vene.

La variazione in dosi - cinque (5) millilitri di dieci (10) ml di venti (20) ml – fa aumentare il tasso di monociti?

No. L'unica differenza è che, nelle malattie autoimmuni, a volte uso fino
20 ml nei casi più gravi. E diviso in quattro sedi l'applicazione di cinque ml in ciascun braccio e cinque ml di ciascuna coscia. Provoco quindi la deviazione del sistema immunitario dedito ad attaccare il corpo stesso come se fosse un nemico.
Nel caso di artrite reumatoide, colpisce le articolazioni per creare deformazioni.
Credo che ci sia una richiesta inconscia di deviare un sofferenza psichica ad una zona fisica. E ' assurdo soffrire fisicamente per allentare le tensioni psichiche , ma succede, e ne ho le prove.

Da che età i bambini possono fare autoemoterapia?

Dipende in gran parte dal bambino, recentemente ho fatto autoemoterapia a un bambino
asmatico grave di cinque anni , senza problemi, perfettamente accettava l' autoemoterapia.

E l'autoemoterapia in geriatria?
In geriatria si dovrebbe usare l'autoemoterapia. Proprio perché quell'età corrisponde al momento in cui il sistema immunologico è in declino.

L'autoemoterapia lavora sulla guarigione delle ferite?
Funziona, aiuta anche la guarigione delle piaghe da decubito.

E su HPV?
Sì, questo virus è molto comune nella cervice. Non ho esperienza perché io non sono un ginecologo, ma penso che funzionerebbe. I ginecologi dovrebbero provare e introdurre questa pratica . Dovrebbe funzionare, perché funziona in altri virus - non sarà diverso in questo caso .

E sulla vitiligine?
I pazienti con vitiligine peggiorano quando sono tesi. Poiché il sistema neurovegetativo è bilanciato dall' autoemoterapia, può evitare queste ricadute. Ma non cura la vitiligine.

In tonsillite ricorrente?
È altamente valida, molto valida. C'è un tipo di tonsillite, dove ho usato l'autoemoterapia con ottimi risultati. E ' una tonsillite da beta streptococco emolitico. Si tratta di tonsillite con conseguente febbre reumatica che può causare danni al cuore, con atrofia della valvola mitrale, che poi solo la
chirurgia correggerà.
Questa tonsillite è estremamente resistente agli antibiotici e l'autoemoterapia - logicamente insieme con l'antibiotico - vince i batteri. Ho curato molti casi di febbre reumatica in cui la fonte di questa infezione era in gola.
Giovanni, per esempio, che oggi è un uomo, da bambino aveva la febbre reumatica molto grave. E l'autoemoterapia lo ha guarito.
Un altro caso in Petropolis, una ragazza era considerata addirittura persa, salvata con l'autoemoterapia .

In che modo l'autoemoterapia può aiutare un malato di cancro?

Non è ancora stato scoperto un chemioterapico specifico per le cellule del cancro, la chemioterapia agisce anche sulle cellule normali, abbassando così il livello immunitario del paziente che diventa vulnerabile a un altro tipo di cancro - o alla ripetizione di tale cancro in un altro organo, metastasi. E' utile mantenere il sistema immunitario attivato.
Ora, non dico che cura il cancro. Ma aiuterà gli altri mezzi usati.
Anche nel caso di interventi chirurgici, in cui attraverso la linfa le cellule tumorali potrebbero raggiungere altri organi, l' autoemoterapia può impedire il progresso di queste cellule, evitando la moltiplicazione. Vale la pena.

Ci tumori incompatibili con autoemoterapia?

Nessuno. In tutti dovrebbe essere usato. Può essere utilizzato in ogni caso. Non ci sono casi
in cui l'auto-terapia del sangue non è utile. Non può essere sufficiente, ma in ogni caso, almeno, impedirà al processo tumorale di diventare più invasivo. Sarà un aiuto.

Focolai e autoemoterapia?

Sarebbe di grande valore, si avrebbe un risparmio enorme. Perché le persone che sono state già contaminate avrebbero un recupero più veloce. Ciò che guarisce è il sistema immunitario, non è la cura antibiotica. L'antibiotico si fa solo evitare la riproduzione di microbi, ma ciò che finisce di curare l'infezione è il nostro sistema immunitario.
Le persone che non sono state contaminate, se fossero sotto l'azione di autoemoterapia non prenderebbero la malattia, impedendo la propagazione della malattia ad un maggior numero di persone.
Un dettaglio importante: quando la malattia passa da una persona a un'altra, il microbo o virus diventa più attivo e virulento.

E nell'ictus?
Può aiutare, a condizione che sia fatto il più rapidamente possibile dopo l'accidente.
Perché se è un incidente emorragico, l'autoemoterapia aumenta i macrofagi che divorano la fibrina che intasa i vasi, ripristinando la circolazione molto più velocemente.
Recentemente ho avuto un paziente che ha avuto un ictus, il recupero è stato molto più veloce delle aspettative.

E la gotta?
Funziona, poiché rimuove l'acido urico. Nella gotta l'acido urico supera 7 mg per litro . L'acido urico cristallizza all'interno dei tessuti in forma di aghi ed è per questo che è tremendamente doloroso. L' autoemoterapia distrugge questi cristalli. Sono visti dal sistema immunitario come un corpo estraneo. E li elimina.

Sport e autoemoterapia?

Quando Beckenbauer ha appeso le scarpe al chiodo, ha detto che attribuiva le sue
prestazioni fisiche all' autoemoterapia. Prima di ogni partita faceva un autoemoterapia di
dieci ml .

Polimiosite e dermatomiosite?

Polimiosite, dermatomiosite, come l'artrite reumatoide, sono malattie autoimmuni.
In ogni malattia che ha un'origine autoimmune - cioè, ha come origine una perversione del sistema immunitario, che attacca il proprio corpo come se fosse un corpo estraneo - è valido l'uso di autoemoterapia.
Poiché, in primo luogo, l'applicazione del sangue, riduce la pressione dell'assalto sui tessuti che sono aggrediti.
La seconda ragione dell'efficacia nelle malattie autoimmuni è che il sangue raggiunge praticamente ogni millimetro cubo del nostro corpo, tranne i capelli e i peli. Ogni centimetro quadrato di pelle e ogni centimetro quadrato di qualsiasi organo sono sempre con il sangue, le ossa ne hanno meno ma

c'è sangue nel midollo osseo, quando il sistema immunitario viene deviato diminuisce l'aggressività.
E in secondo luogo - e questo è molto importante, ma non posso provarlo, perché solo la ricerca di laboratorio può farlo – poiché il sangue contiene gli stessi elementi che il sistema immunitario attacca, creerà una sorta di perplessità. Sarà in dubbio, dicendo: "Perché sto attaccando me stesso se questo sangue contiene gli stessi elementi che sto attaccando? ". Così il sistema immunitario fa un riconoscimento di ciò che è proprio e di ciò che non è proprio. Voglio dire, il sistema immunitario stava attaccando il corpo come un corpo estrano, e finirà per riconoscere queste aree come la proprie, attraverso gli elementi del sangue che sono identici a quelli delle aree maltrattate.
Ma questo non posso provarlo. Questo è solo un esercizio di intelligenza per cercare di spiegare il motivo della la guarigione di malattie autoimmuni. Il miglioramento è spiegato molto bene: l'aggressione è deviata a causa dell'applicazione del sangue nei muscoli e diminuisce naturalmente l'aggressione nei luoghi in cui il sistema immunologico attaccava.
Nelle allergie ci sono risultati ottimali. Le allergie sono un'intolleranza immunitaria contro le sostanze che attaccano e finiscono per colpire il corpo stesso. L' autoemoterapia è una risorsa terapeutica eccellente per tali casi.

Due casi di aritmia e convulsioni

Due bambini avevano una comprovata aritmia. Erano disrítmicas,il loro elettroencefalogramma era anormale e avevano le convulsioni, le crisi epilettiche. I dosaggi di fenobarbital che stavano usando erano così alte che i bambini non avevano più crisi ma praticamente non erano in grado di studiare e andare in bicicletta. Ho usato l' autoemoterapia con questi due bambini per eliminare l'eccesso di barbiturici che avevano impregnato il loro cervello.
I bambini hanno potuto avere una normale attività, giocare liberamente, andare in bicicletta.
Hanno smesso di avere le convulsioni,  uno di loro oggi ha 20 anni o giù di lì. E l'altro ha 3 anni in meno.
Se avessi poi chiesto l'elettroencefalogramma di questi bambini confrontato col precedente - prima di iniziare l'utilizzo di barbiturici - questo confronto avrebbe potuto dimostrare che funziona davvero nel correggere le onde del cervello, portando a un livello di normalità. Questo è qualcosa che in futuro potrebbe rilevarsi con facilità, è che ho pensato, come clinico, soltanto di risolvere il problema che c'era. E poi l'altro risultato era stato inaspettato .

Medicina

La medicina è l'arte di guarire. Ho solo uno scopo per i miei pazienti: alleviare le sofferenze e, quando possibile, guarire. Perciò non rispetto le norme chiamate scientifiche. Per me ciò che dimostra tutto è l'effetto del trattamento. Se comporta vantaggi per il paziente è un trattamento scientifico, anche se non sappiamo ancora qual'è il meccanismo d'azione di questo trattamento. Io uso le risorse - qualunque cosa - a beneficio dei pazienti per dare sollievo dalla sofferenza e, se possibile, la guarigione.
Ho una mente curiosa, devo provare a trovare una soluzione, cosa che mi soddisfi, poi capisco come il trattamento ha potuto funzionare. Ad esempio, nel caso delle allergie: il paziente che fa
autoemoterapia ha un grande miglioramento. L'allergia non è in realtà una malattia, è una reazione eccessiva del sistema immunitario, a causa della aggressività che gli esseri umani subiscono di giorno in giorno. L'aria che si respira è inquinata, gli alimenti che contengono conservanti, ci sono i coloranti utilizzati nei prodotti alimentari. Queste sono tutte le aggressioni.
Le persone che soffrono di allergie hanno molto meno probabilità di avere il cancro, perché hanno un sistema immunologica più zelante, più attivo. Questo è solo un sospetto, non è provato.

Ho cercato di trovare una soluzione per spiegare perchè l'autoemoterapia guarisce le allergie. E ho trovato una risposta che mi soddisfa: come l'allergene è un corpo estraneo, non è accettato dal sistema immune, quindi lotta contro di lui, con le conseguenze per il paziente. Se haallergie a inalanti, cosa succede? Inizia a starnutire, cercando di eliminare l'allergene da catarro. Se questo allergene va ai polmoni, il sistema Immunitario produce una secrezione per tentare , con la tosse, di eliminare questi allergeni. In realtà si tratta di una forma di difesa non è né la malattia, è un
difesa contro quello che sta facendo male, ciò che non dovrebbe esistere in aria lui la respira, non dovrebbe esistere nel cibo che sta mangiando.
Che cosa succede con l' autoemoterapia? Questi allergeni finiscono per andare nel sangue, essi finiscono per stabilirsi, passando per i polmoni, passando al naso, al sangue. Quando il sistema immunitario combatte questo allergene, quando lo identifica, lo cattura e cercherà di eliminarlo,
come un corpo estraneo. Allo stesso tempo, scopre come inattivare l'allergene, dal momento che lo ha identificato come un corpo estraneo, inducendo quella che viene chiamata tolleranza immunitaria. Accetta come proprio quello che una volta era considerato un nemico.
Il più grande allergologo che il mondo ha conosciuto, ha vissuto 2000 anni prima di Cristo.
Il suo nome era Mitridate, re greco. Quando aveva 10 anni, aveva scoperto che prendendo piccolissime dosi crescenti di 2 veleni usati per uccidere i re – la cicuta e l'arsenico, che erano stati messi nel vino – lui era diventato immune Non so come aveva scoperto questo.. Quando il tester cadde morto, dopo aver bevuto un sorso, lui bevve il resto del bicchiere di vino e fu considerato dalla gente come avente poteri divini. Aveva scoperto che il veleno stesso aveva creato la difesa contro il veleno. Lo aveva preso in dosi crescenti, questa è l'origine del vaccino. L'antiveleno per il morso di serpente si prepara iniettando in un cavallo dosi crescenti di veleno fino a iniettare la quantità che lo avrebbe ucciso con la prima dose. Il sangue di questo cavallo è prelevato , si separa
il siero (la parte bianca) e la parte rossa (globuli). La parte bianca è l'antiveleno. Ma chi ha scoperto tutto questo fu il re Mitridate.

Medici e futuri medici

Controllare sempre, non accettare mai nulla come si trattasse solo di una cosa del passato, vale a dire vecchia, fuori moda. Se possibile, aggiungete sempre il vecchio al nuovo. Non abbiate pregiudizi.
Per esempio in Giappone si è utilizzata una tecnica nel XIX secolo. Si guariva la polmonite
con le ventose. Noi non sappiamo nemmeno il perché, ma i pazienti si sono salvati. Non c'erano gli antibiotici in quel momento. Il Pneumococco era la stesso che esiste oggi, e la polmonite guariva. I medici hanno usato la ventosa senza saperlo, senza sapere perché, perché funzionava.
La grande lezione è quella di esaminare in primo luogo il sollievo oggettivo e curare il paziente. E poi dopo c'è la nostra soddisfazione come scienziati, che piaccia o no, ogni medico dovrebbe volere sapere il perché delle cose, per essere soddisfatto. Questa è la soddisfazione personale. Ma l'impegno che ha, non è per questo. E' per alleviare le sofferenze, questo è l'unico impegno che ha.

Pazienti

In primo luogo, mente positiva. Perché la mente negativa peggiora la sofferenza. Il
sistema immunitario, quando la persona diventa negativa , declina. Se crede nella sua guarigione, ha tutte le possibilità di vincere la malattia. Scoprire che la malattia non ha cura, riduce la sua stessa curabilità.
Quindi è importante pensare positivo. La mente ha un enorme potere, può sia curare come distruggere.

Relazione tra emozioni, salute e malattia
Le emozioni piacevoli, buone, generano la salute. Le emozioni negative : la paura,
la violenza, l'odio, la rabbia, la tristezza generano la malattia. Tutto ciò che gratifica la
persona: la tranquillità, la sicurezza e l'amore generano la salute.

L a malattia spesso non è un problema, è una soluzione ad altri problemi, poi però
la persona non è soddisfatta, perché porta sofferenza, e quindi vuole curare la malattia.
Ma cosa porta una persona a cambiare il comportamento?
La cosa più importante è non piangere sul latte versato. Ciò che non ha rimedio è rimedio. Questa filosofia cambia completamente la vita. I cinesi considerano la malattia come qualcosa che
la persona crea. Il nostro lato negativo, aspettandosi sempre il peggio, è una fabbrica
di malattie. La visione ottimistica delle cose - vedere sempre in tutto il male che accade, anche qualcosa di buono - cambia la nostra salute.

Para saber mais,
pesquise na internet

Campanha + informações diversas atualizadas + vídeo disponível
http://www.campanhaauto-hemoterapia.blogspot.com/
Página com indicação de diversos sites
- vídeos, conceito, artigos científicos:
http://paginas.terra.com.br/saude/Autohemoterapia/
Direto a relatos de usuários
- usuários de auto-hemoterapia trocam informações (+ de 10.000 e-mails até março de 2008):
http://inforum.insite.com.br/39550/
Relatos, relatórios e informações:
http://www.orientacoesmedicas.com.br
Relatórios – por idade, país, estado, município, sexo, ocupação, enfermidade, tempo médio de
aplicação, vantagens obtidas, efeitos colaterais, descrições de experiências e notas de avaliação,
clique:
Pesquisa virtual sobre
Auto-Hemoterapia
Notícias e informações em geral:
http://www.rnsites.com.br/auto-hemoterapia.htm
________________________________________________________
Para ver o vídeo autohemoterapia:
http://www.orientacoesmedicas.com.br/auto_hemoterapia.asp
Ou pesquise autohemoterapia vídeo no
www.google.com
Vídeos, por selecionar:
http://www.youtube.com/profile?user=eaglestv
________________________________________________________
Para quem tem acesso ao Orkut, muitas e diversas informações:
depoimentos, intercâmbios, conversas, salas de bate-papo, opiniões,
grupos, artigos científicos, patologias, dúvidas freqüentes:
http://autohemo.blogspot.com/
http://www.medicinacomplementar.com.br/tema130206.asp
Para saber de relatos, pesquise as palavras
comunidade autohemoterapia relatos no
www.google.com
Alguns grupos de relatos, por exemplo:
http://groups.msn.com/Auto-Hemoterapia/relatos.msnw
http://autohemo.blogspot.com/2007/05/comunidade.html
http://autohemo.multiply.com/links

Stampa Email