Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Wing Tzun

Insegnante Sifu Alberto Peloncini

il mercoledì dalle 18.15 alle 19.45

Quasi nessuna arte marziale ha un'origine e una storia così affascinante come il WingTzun . E non c'è da meravigliarsi, perché questa arte marziale è una delle poche che si dice abbia origine da una donna. La monaca zen Ng Mui, sfuggita alla distruzione del monastero di Shaolin, creò un nuovo sistema di combattimento che doveva essere estremamente efficace e rapido.
Il Wing Tzun è consigliato come tecnica di difesa personale, perché è alla portata di tutti indipendentemente dalla forza fisica e dalla corporatura.

Peculiarità  tipica del Wing Tzun è il "contatto" , ovvero un utilizzo della percezione tattile e cinestetica dell'azione, intenzione e biomeccanica avversaria a corta distanza. In questo caso attacchi e difese, azioni e reazioni, sono studiati "sentendo" il contatto dell'avversario,  con le braccia,  con le gambe,  con le spalle, con tutto il corpo; le reazioni durante il combattimento in contatto divengono geometricamente logiche ma soprattutto istintive e più rapide, in misura molto maggiore di quanto lo sarebbero in relazione ad uno stimolo di tipo puramente visivo.

Dodici Modalità
Nel libro Yuen Kay San Wing Chun Kuen sono descritti 12 metodi  attraverso dodici ideogrammi che identificano altrettante azioni che caratterizzano la pratica dello stile. Esse sono:dap, unire due "ponti"; jeet,  intercettare; chum, cedere; biu, infrangere; chi, attaccarsi; mo, sentire; tong,  premere; dong,  oscillare; tun,  impossessarsi; chit,  tagliare a fette; tao,  muoversi furtivamente; lao,  lasciar passare.

I principi del Wing Tzun

I principi del Wing Tzun creano un sistema di difesa aggressiva che consente di adattarsi immediatamente ai movimenti, alla forza e al modo di combattere di un aggressore. Questi principi sono estremamente semplici. Ciononostante richiedono anni di pratica.

 Principi  fondamentali:

Il principio della linea centrale. Il principio di simultaneità di attacco e difesa.Il principio della porta interna ed esterna .Il principio del cuneo.Il principio della "raffica continua.Il principio della molla.Il principio dei quattro cancelli. Il principio del gomito fisso.Il principio del ridurre la corta distanza . Il principio della forza in un "cun" nel "ponte" corto.

Principi di combattimento

Se la strada è libera avanza

Se la strada è chiusa "appiccicati" all'avversario come un guanto

Se l'avversario avanza, cedi

Se l'avversario indietreggia seguilo

Principi di forza

Liberati della tua forza

Liberati della forza dell'avversario

Usa la forza dell'avversario

Somma la tua forza alla forza dell'avversario

Stampa Email